lunedì 27 maggio 2013

Enders - Lissa Price


Titolo Enders
Titolo originale Enders
Autore Lissa Price
Edito Sperling & Kupfer
Prezzo 16,90 €
Pagine 265
Genere Romanzo distopico

TRAMA
Los Angeles, tra qualche anno. In un mondo devastato da una terribile pandemia, che ha decimato la popolazione adulta tra i 20 e i 60 anni, i vecchi affittano illegalmente il corpo dei giovani per rivivere emozioni ormai dimenticate. Anche Callie, sedici anni e un fratello malato, ha deciso di mettere in affitto il proprio corpo, pur di guadagnare qualche spicciolo. Ma da quel momento la sua vita è cambiata per sempre. Le è stato impiantato un microchip nel cervello e un Vecchio, crudele e potente, ha iniziato a controllare tutti i suoi movimenti – e i suoi pensieri. Disperata, Callie si ritrova intrappolata in un gioco molto pericoloso, ed è disposta a tutto pur di disattivare il microchip e tornare ad essere libera. Una sola persona al mondo potrebbe aiutarla: Hyden, il misterioso e affascinante figlio del Vecchio… Ma se nemmeno lui fosse chi dice di essere?

RECENSIONE DI EHRNAIDER
Ritorniamo a parlare di uno dei miei generi preferiti, il distopico. Il libro di oggi è Enders di Lissa Price, secondo ed ultimo capitolo della duologia iniziata con Starters. Ringrazio la casa editrice Sperling & Kupfer che mi ha gentilmente inviato una copia del romanzo.

Partiamo, come al solito, analizzando i personaggi del libro. Tutti sono ben fatti e ben caratterizzati, ognuno ha caratteristiche uniche, che li differenzia dagli altri. La nostra protagonista è Callie. Callie è una ragazza diversa dalle altre e più matura rispetto alle sue coetanee: difatti, quando il lettore legge suoi pensieri, pensa subito "Wow, non sembra affatto una ragazza della sua età". In più è molto protettiva e legata alla sua famiglia: per tutto libro praticamente, cerca di proteggere il suo fratellino ancora vivo e va alla ricerca del padre, sperando che non sia troppo tardi. Altro personaggio importane è Hyden. Hyden è un ragazzo strano, che presenta una rara malattia alla pelle, che consiste nel sentire dolore al contatto con qualsiasi cosa, e che nasconde un terribile segreto (che io ho apprezzato perchè l'autrice ha creato un vero e proprio colpo di scena). Infine c'è il terzo e ultimo del trio, Michael. Michael è un altro amico di Callie ed è un ragazzo come tanti. Finisce spesso in guai molto seri, ma per fortuna ci sono i suoi due amici che lo aiutano sempre, o quasi. Come personaggi secondari troviamo Il Vecchio, un "uomo" davvero inquietante, che potrebbe far diventare pazzo chiunque; Dawson, uno dei nemici del nostro trio, è un uomo che chiunque vorrebbe uccidere: freddo e senza un minimo di cuore.
Altro punto interessante del libro è l'ambientazione. Ci troviamo in un futuro non ben definito, ma molto diverso dal nostro mondo. Qui i ragazzi aiutano la famiglia facendo un lavoro particolare: affittare il proprio corpo a degli anziani in cambio di una somma di denaro. Ce ne sono davvero tante, ma tutte sono diverse l'una dalle altre e ogni volta che al lettore ne viene presentata una, quest'ultimo si impressiona a vedere quanta fantasia abbia l'autrice. Gli interni delle basi poi, sono davvero ben costruiti e presentano stanze alquanto strane: infatti, in una base scientifica non ci aspetteremmo mai una sala giochi per i bambini! Tutti questi elementi strani però, uniti tra loro, formano dei luoghi unici e affascinanti.
La lettura in generale scorre abbastanza velocemente, anche se ogni tanto l'autrice si perde in descrizioni o in parti troppo lente e inutili. Due difetti questo libro possiede, a mio parere, di cui solo uno è attribuibile all'autrice, ovvero la storia d'amore. Ora mi chiedo: perché? Stava andando tutto bene, eppure all'autrice questo non bastava e ha deciso di inserire una storia d'amore che non serve a niente! È inutile! Non riesco proprio a capire il perché, in moltissimi libri, debbano inserire queste storie d'amore che con la storia non centrano niente. Poi, altro difetto è la traduzione. Ora, io non ho letto il libro in lingua originale, quindi non so se sia fedele oppure no, però la versione italiana manca quasi completamente di congiuntivi, anche in periodi in cui è obbligatorio. Quindi, spero che le prossime volte facciano un po' più di attenzione.
Torniamo a parlare del libro e più in particolare del finale, che è la parte fatta meglio.Piene di colpi di scena, le ultime 50/60 pagine regalano al lettore un mix di emozioni, come la paura, l'angoscia e il timore, che lo lasciano soltanto al capitolo 25. C'è però un ulteriore capitolo, il 26, che mi ha lasciato un po' perplesso; questo perché, in un certo senso, riapre il finale chiuso del capitolo 25 e ne crea uno aperto, che mi ha portato a pensare "Magari arriverà un terzo libro!".
Un libro scorrevole e intrigante, che si può leggere anche se non si ha letto il primo secondo me (è meglio leggerlo però!) e che ti porta in una società totalmente diversa dalla nostra.

"«È dura, Cal. Abbiamo appena subito delle grave perdite. E purtroppo ci siamo già passati prima.»
«Callie, quello che abbiamo visto nell'Archivio di Stato...» gli ricordò Hyden.
«È solo una sensazione, ma non riesco a scuotermela di dosso.»
«Cosa vuoi fare?» domandò Hyden.
«Voglio andare a casa.»"

VOTO FINALE

4 commenti:

  1. enders c'è lho tra quelli che devo leggere, ma dopo la tua recensione penso che finito l'angelo perduto lo inizio subito,complimenti per la recensione, sempre molto bella ed esaudiente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Troppo gentile! ^_^
      A presto

      Elimina
  2. Bella recensione ^^ Io sto leggendo il primo ma non riesce a prendermi come pensavo, non ho proprio voglia di leggerlo >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! ^^ È un po' lo stile dell'autrice secondo me... non riesce a prendere il lettore pienamente! Anche in questo secondo libro c'è, però in generale è stata una lettura piacevole direi! :D
      A presto!

      Elimina